Patuanelli per la Fase 2: soldi alle aziende ed ECOBONUS del 120% per l’edilizia

Sospensione delle bollette causa coronavirus: come funziona?
Stop alle bollette con il Coronavirus? ecco come funziona e chi può beneficiarne
18 Marzo 2020
Sistemi di accumulo energia elettrica al Litio
Cofinanziamento Sistemi di accumulo energia elettrica imprese Sardegna: dal 25 Maggio le domande
13 Maggio 2020
Show all

Patuanelli per la Fase 2: soldi alle aziende ed ECOBONUS del 120% per l’edilizia

Stefano Patuanelli - Ministro dello Sviluppo Economico

Stefano Patuanelli - Ministro dello Sviluppo Economico

In un post Facebook, Il Ministro dello Sviluppo Economico Stefano Patuanelli prova a tracciare la linea da seguire come cura economica, da porre in essere già nella fase due, per l’immediato rilancio del Paese.

“L’economia italiana non reggerebbe a un secondo lockdown. Per evitare che ciò accada, è necessario mettere in atto una strategia “differenziata”, che permetta di riaprire il maggior numero possibile di attività economico-produttive e, allo stesso tempo, garantire la sicurezza e la salute dei lavoratori”.

Queste le parole del Ministro dello Sviluppo Economico, che illustra inoltre alcuni possibili punti chiave:

  • possibilità di prevedere aperture differenziate da Regione a Regione, in base ai dati epidemiologici dei contagi
  • rafforzamento delle misure a favore delle PMI, soprattutto a sostegno delle attività produttive più piccole
  • massiccia iniezione di liquidità a fondo perduto e diretta, sotto forma di ricapitalizzazione delle imprese
  • velocizzazione del pagamento dei crediti che le aziende vantano nei confronti della Pubblica Amministrazione e interventi sugli oneri dei costi fissi (come ad esempio quelli presenti nella bolletta dell’energia elettrica)
  • incentivi specifici in alcuni settori chiave, in modo da consentire ai cittadini di tornare a spendere in maniera immediata

A tal proposito per l’edilizia si ipotizza un Ecobonus al 120%.

Nel concretizzarsi di tale scenario, chi realizzerà lavori di ristrutturazione della propria abitazione -con interventi a vantaggio di un minor impatto ambientale e con raggiungimento dell’abbattimento dei consumi-, potrà godere di sgravi fiscali del 120% della spesa sostenuta.

Quindi, ad esempio, per 10.000 euro di spesa sostenuta per i lavori  si potrà beneficiare di un credito fiscale di 12.000 euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

8 − tre =